Promuovere un'azienda su Google+

Promuovere un'azienda su Google+

Come sfruttare il social network di Google per ottenere visibilità

Google sta lavorando molto per ampliare la sua dimensione "sociale", dal 2011, quando è nato Google+ è partita la rincorsa a Facebook. Google Plus è un social network a tutti gli effetti, da la possibilità di creare un profilo personale o aziendale e mette in contatto gli utenti tra loro condividendo status, foto e risorse.
Google+ ha provato a differenziarsi da Facebook puntando sulla creazione di cerchie di amici, ovvero dando la possibilità ai propri utenti di suddividere i propri contatti in gruppi tematici; amicizia, lavoro, famiglia, etc.

Gli inizi non sono stati molto promettenti, la maggior parte degli utenti di internet non ha sentito il bisogno di spostarsi da un social network già collaudato come Facebook per utilizzare un nuovo servizio, piuttosto vuoto e graficamente scarno. Ancora oggi gli utenti attivi sono pochi, sopratutto in Italia, Google ha accusato il colpo ma non si è arreso, da parte sua ha diverse carte da giocarsi, prima di tutto possiede già i "contatti". Infatti Tutti noi siamo già registrati su Google dato che utilizziamo i suoi servizi (Gmail in primis), inoltre Google ha la forza di condizionare i risultati sul proprio motore di ricerca. E' proprio su questo versante che si sta muovendo ultimamente, vediamo come.

Da dicembre dello scorso anno Google ha iniziato ad integrare sulle pagine dei risultati i post condivisi su Google+, significa che i risultati che Google ci fornisce in seguito ad una ricerca vengono oggi influenzati dal tipo di connessioni sociali che abbiamo. Prende vita il cosidetto Social Search, Google ritiene che se un nostro amico ha condiviso una risorsa sia una buona idea mostrarla tra i risultati delle nostre ricerche (sempre se è attinente con le parole chiave che abbiamo utilizzato). La funzione si chiama My Answer ed è attiva di default. Se non vogliamo che oltre ai risultati organici appaiano i contenuti dei nostri amici e delle pagine che seguiamo possiamo disattivarla.

Detto ciò è facile comprendere l'importanza che sta assumendo la presenza della nostra attività/azienda su Google Plus. Siamo ancora all'inizio ma il mio consiglio è quello di muoversi in anticipo, l'obbiettivo è quello di creare una buona rete di contatti legato alla nostra pagina e di aggiornarla frequentemente con la pubblicazione di news e risorse utili, sperando che i nostri "amici" o "fan" se li ritrovino anche nei risultati delle ricerche quando utilizzano Google.

Oggi aprire una pagina Google+ può essere anche una buona alternativa per arginare l'effetto negativo del recente aggiornamento di Facebook in relazione alle pagine aziendali, come ho accennato nell'articolo su come promuoversi su Facebook, la visibilità dei post verso i nostri fan è diminuita drasticamente.

Per un'azienda che utilizza Google+ c'è anche la possibilità di promuovere i propri post come avviene su Facebook, la differenza è che la promozione non rimane all'interno del social network ma si può decidere che i post sponsorizzati appaiano sul circuito AdSense, ovvero su oltre due milioni di siti affiliati e partner di Google che ospitano la pubblicità contestuale. L'opzione si chiama "+Post Ads". Questo tipo di pubblicità permette agli utenti di condividere e commentare i banner, rendendo ancora più virale il nostro messaggio.

Vedremo come si svilupperà il social network di Google, nel frattempo vi lascio alcune risorse utili da cui partire:

10 Jan 2014 | Jacopo Modesti
Consulenza online Promuovere un'azienda su Google+

Altri articoli


 

Studio 03 è un Partner Google

 

© 2017 Studio 03 di Modesti Jacopo Jerome P.IVA 07154831007 - Privacy e cookies